"I SUOI DESIDERI."

L’insoddisfazione nasce proprio da qui: lui cosa desidera?
Sarebbe magia. Conoscere i suoi desideri significherebbe possedere l’arte magica del piacere; e ciò è possibile, sebbene non sia così intuitivo scovare i segreti della passione maschile. Lo scopo di questo articolo è aprire alcuni varchi importanti nel suo mondo e nella sua sessualità, se non altro per quanto riguarda i primi aspetti fondamentali, quelli cioè che determinano una soddisfazione completa e a tutto campo a fatto compiuto.

Quante volte capita, o è capitato, di riporre estrema fiducia nel potenziale maschile e poi, nel concreto, ritrovarsi con lui in totale disarmonia, sentire il fuoco della passione spegnersi velocemente e trasformarsi in mero ricordo figurativo, da abbandonare tra i fallimenti del sesso nascosti in mezzo alle peggiori delusioni. Non stiamo parlando solo di amore, campo molto più colorito, bensì il riferimento è a quelle occasioni, perché così ci appaiono, che incontriamo di sfuggita, quelle relazioni che si fondano sul primordiale istinto della passione: sesso, e ciò che può sembrare tale.

Incontriamo l’Adone eccelso, quello che ci fa viaggiare di fantasia non appena ci guarda. Ci lasciamo trasportare dall’immaginazione e sentiamo, o addirittura raggiungiamo, la convinzione che lui sarà in grado di farci toccare con tutto il corpo il margine più estremo del piacere. E come potrebbe essere diversamente? Lui può, si vede!

Eppure, le situazioni inizialmente sono promettenti, ma poi, volta per volta, tutto appare meno convincente. I piccoli dettagli, i tempi sbagliati, i ritmi completamente fuori luogo e in ultimo, ma non per importanza, la totale insoddisfazione nell’atto concreto della sessualità. Ma perché? Perché alla fine quel disagio ci domina, quali sono i suoi desideri che non abbiamo inteso e per quale ragione così tanto potenziale si riduce ad un sogno che di caldo gli rimane solo l’idea?

La risposta è in realtà molto semplice: la natura dei suoi desideri è diversa da quella nostri.

Ecco allora che si rende necessario conoscerli per poterli seguire o per capire già dall’inizio se quel potenziale potrà essere sfruttato al meglio oppure no. Di norma, abbiamo delle convinzioni sbagliate, che si riflettono nell’idea che lui desideri la perfezione e disprezzi il difetto. Stiamo parlando di fisicità, ovviamente, motivo principale del piacere sessuale. Ebbene, le cose non stanno proprio così: l’uomo è ben predisposto alla perfezione o al difetto in egual maniera, a seconda del contesto.

In certi casi l’uomo apprezza un corpo femminile da copertina, ma in altri casi preferisce corpi diversi, dove un particolare sbagliato o un difetto troppo concreto può renderci a lui irresistibili. Potrebbe sembrare strano, ma di che se ne dica questi ultimi sono i casi più frequenti, nostro malgrado.

Ad esempio, è certo che il pensiero maschile dona priorità al seno prosperoso, tuttavia, se il contesto è sportivo, è molto più importante che la donna abbia gambe ben tornite e toniche, con glutei tondi e sostanzialmente ben visibili, mentre il seno perde la propria valenza, tanto da venir più apprezzate le misure contenute.

Se, invece, parliamo di situazioni riguardanti le commesse in negozio, l’uomo preferisce figure magre e snelle con seno prosperoso e in bella vista, lasciando da parte eventuali critiche per gambe e fondoschiena perché prive di fondamento in tale occasione.

Nelle situazioni di eleganza, quali possono essere feste di rango o occasioni di rilievo, egli predilige le forme snelle, magre e con un seno piccolo, trovando il complesso più fresco e molto più fine.

In spiaggia la sua preferenza cade su forme generose, sia per gambe e glutei quanto per il seno. E i motivi diremo che sono abbastanza ovvi.

La scenetta della tipica vicina di casa, o dell’amica che può incontrare per strada, con la quale passare una serata intima è una situazione abbastanza classica per lui, e in questo caso sono i difetti contrastanti ad attirare il suo sguardo e la sua passione erotica. Tant’è che tutto il complesso deve essere quasi perfetto ma un dettaglio deve totalmente contrastare col tutto. Ad esempio, un seno ampio ma un po’ cadente, oppure un seno più piccolo su un corpo che presuppone tutt’altro, altrimenti un sedere leggermente eccessivo e magari poco tonico a fronte di un viso bellissimo e un corpo magro e snello. Ecco, per intenderci, alcuni casi abbastanza specifici che possono insegnarci il suo rapporto con la sessualità.

Ogni contesto, quindi, parte da una sua visione quasi teatrale, dove lui ci dona un ruolo stabilito. Se non rispettiamo quel ruolo o se preferiamo altre parti allora il risultato finale sarà di sicuro deludente.

In conclusione, possiamo dire che è sbagliato partire dal presupposto della perfezione, in quanto per lui hanno egual unità di misura anche i difetti di un particolare, se contrastanti con tutto il resto. Inoltre, è importante capire il ruolo che ci viene affidato e ricercare concretezza solamente se quel ruolo ci piace e ci si addice, altrimenti è meglio passare ad altre scelte e possibilità. La donna aggressiva deve essere formosa in tutte le sue parti, ma ottiene lo stesso risultato anche la donna magra e snella se mantiene gli stessi atteggiamenti. L’opposto e il contrasto del difetto sono la base fondamentale del piacere sessuale dell’uomo. Ecco, per noi, la vera magia della passione e della soddisfazione, a portata di mano.

Al prossimo articolo.


4 commenti:

  1. This is great writing. The topic of tpost is really good.
    Saidul

    RispondiElimina
  2. Thank you for your comment, Saidul. We only try to report the truth about women and men psycology. Your apport is very important for us.
    We hope you'll continue to follow us.

    RispondiElimina
  3. I think you share a great post keep it up these type of interesting post.I like to comment in your post .

    Self Book Publisher Blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Thank you so much. We are so happy to hear this from you. Sure, we will continue this way, continue to follow us.

      Elimina