"STRATEGIE DELL'UOMO (1° atto): FARTI PENSARE!"

Anche gli uomini, per conquistare una donna, si affidano a delle strategie consolidate che danno sempre ottimi risultati. Ce ne sono diverse e una di queste si basa sul fattore pensiero, cioè una delle parti più vulnerabili della donna. In questo articolo verrà descritta tale strategia per poterla riconoscere e, nel caso, difendersi…

Tanto quanto noi, i maschietti attingono a tre strategie classiche per poter conquistare la donna, tecniche studiate nel minimo dettaglio che sono in grado di affondare gli artigli nei punti deboli femminili.
Considera con attenzione il fatto che queste strategie vengono attivate solo per sfondo sessuale, quindi non farti colpire sentimentalmente altrimenti potresti davvero rimanere dolorosamente ferita nell’intimo.
Le tre strategie sono:
Farti pensare
Crearti il bisogno
Negare ciò che non c'è

Il punto debole per eccellenza della donna è il pensiero, pensare ci stimola mentalmente e costringe il corpo a seguirne le traiettorie. Il genere maschile, soprattutto quelli più esperti, conosce bene questo nostro lato, così ne approfitta giocando proprio su questo tasto: Farti pensare.

Fondamentalmente la strategia è molto semplice e si basa su tre capisaldi principali.

il primo è il martellamento quotidiano, messo in opera utilizzando qualsiasi scusa possibile pur di comunicare con te ogni giorno. Lui sa bene che, nel tempo di circa una settimana, se riesce a fare in modo tale che tu pensi a lui ogni giorno, diviene quasi automatico che cominci a chiederti il perché di questo continuo pensiero con lui come protagonista.
Questa illecita e condizionata domanda che vai a porti non ha alcun motivo di esistere, eppure nasce da sola senza ragionamento alcuno. È un nostro schema fisso femminile, che si attiva come automatismo nel momento in cui una qualsiasi cosa pervade e occupa i nostri pensieri per un tempo prolungato, inteso come giorni per unità di misura. Se quotidianamente l’attenzione ricade sempre sullo stesso punto, allora quel punto è importante davvero, questa è la base dello schema nel suo insieme semplificato.
Un’efficace contromossa è aver coscienza di tale stratagemma ed essere a conoscenza che il pensiero è frutto solo della strategia maschile, che non ha nulla a che vedere, pertanto, con l’importanza che ha per te chi lo attiva.

La seconda leva è rappresentata dal farti sentire sempre al centro della sua attenzione. Di norma si accavalla al primo passo del martellamento, sfalsandosi di circa tre giorni. Con delicata disinvoltura l’uomo cerca di renderti noto quanto sei tra i suoi pensieri, ma tenderà a sminuire la cosa, come se non se ne accorgesse, così che possa tu rendertene conto e farglielo notare quando avranno luogo i suoi mirati momenti di profondo riguardo nei tuoi confronti. Continuerà a negare la falsa evidenza ottenendo come risultato una tua assidua insistenza che convincerà più te stessa che lui. Un efficace rimedio è, infatti, non dare peso alle sue attenzioni.

La terza fase è la conoscenza intima. Quando vedrà risultati positivi nei due passi precedenti, attiverà l’ultimo colpo, quello decisivo, che racchiude su di sé un vero e proprio lavoro psicologico di studio approfondito sulle tue caratteristiche principali. Ti dimostrerà difatti quanto lui ci tiene davvero, facendoti notare tutto ciò che sa di te, ciò che ti piace, ciò che non ti piace, le tue preferenze, i tuoi pregi e i tuoi difetti. In realtà non è poi così difficile raggiungere tali conoscenze e non è necessario alcuno studio psicologico visto che si tratta di caratteristiche fondamentali che riguardano solamente la superficie del nostro essere in senso generale. Una buona dialettica e i tempi giusti possono rendere penetrante quest’ultimo atto.
Una valida mossa per mandare in stallo questa terza freccia è negare stupita ogni sua conoscenza e affermare con delusione che non ha compreso per nulla come sei fatta, aggiungendo anche un certo dispiacere di fondo per rendere più potente la difesa.

Ovvio che i rimedi sono consigliati nel caso tu non ambisca ad essere conquistata, altrimenti segui pure il suo iter e magari cerca anche di agevolarlo per essere più sicura del risultato e ridurre i tempi di attesa.

Al prossimo articolo.


1 commento:

  1. E' vero, tutto vero, e l'uomo lo sa anche molto bene!

    Articolo davvero molto interessante e ben dettagliato, complimenti!

    In attesa dei prossimi due atti!

    RispondiElimina